LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2009

1ª PARTE - L'EVOLUZIONE DI UN MONDO

2ª PARTE - IL CINEMA E LE SUE RISORSE

3ª PARTE - TUTTI I MERCATI DEL FILM

4ª PARTE - GRANDI E PICCOLI PROTAGONISTI

APPENDICE

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2009
Prima Parte - L'EVOLUZIONE DI UN MONDO
TUTTO QUANTO FA CINEMA
Capitolo 1 - La sfida digitale

L’INDUSTRIA CULTURALE È UN SISTEMA. I PRODOTTI
CULTURALI HANNO CARATTERE TECNOLOGICO E SONO
ISPIRATI ESCLUSIVAMENTE A LOGICHE DI MERCATO”

Theodor W. Adorno (1903-1969), filosofo, sociologo e compositore tedesco


Quale bene culturale, l’opera cinematografica ha un duplice DNA, artistico ed economico. Ma se si volesse approfondire l’osservazione e definirne per esempio il codice genetico, si constaterebbe che la natura originaria del cinema appartiene alla tecnologia. Lo riconoscevano implicitamente gli stessi fratelli Louis e Auguste Lumière – «Il cinema è una invenzione senza domani» – al momento dei primi bilanci dopo aver brevettato nel 1895 la loro prima apparecchiatura da presa e da proiezione. Thomas A. Edison e Charles Pathé furono i primi a rendersi conto che in realtà quell’innovazione poteva rivelarsi un affare colossale e a capire come farne sul piano produttivo un’industria, scoprendo il cosiddetto anello mancante: quel mezzo tecnico non doveva servire solo per riprendere la vita e la cronaca quotidiane, ma anche per riprodurre e mettere in scena altre realtà.1
In Italia questo passaggio si consumò ad esempio subito dopo il 1910, anche se i primi film non furono altro che allestimenti di opere teatrali o letterarie e portavano con grande evidenza la firma degli autori dei soggetti. Da La morte civile presentata con i nomi del commediografo Paolo Giacometti e dell’interprete Amleto Novelli a Nanà “; da Il padrone delle ferriere “di George Ohnet” alle diverse edizioni di La capanna dello zio Tom, da Harriet Beecher Stowe, fino a Cabiria, attribuito a Gabriele D’Annunzio, più tante altre pellicole ancora. Era questo anche un modo per dare dignità d’arte alla nascente cinematografia.2
Dal giorno in cui è stato concesso spazio alla creatività, il prodotto dell’industria filmica è tuttavia diventato una forma d’arte, un bene culturale, un prototipo unico e originale, a forte componente intellettuale. E in quel momento il cinema ha cominciato a essere un media che trasmette valori e comunica contenuti, un’occasione di esperienza, ossia un experience good di largo consumo, in quanto riproducibile ennesime volte. Ma a conferma della sua originaria informazione genetica è la natura tecnologica che continua a segnarne lo sviluppo. Ben pochi, dopo le prime pellicole bicromatiche della Kodak per I dieci comandamenti di Cecil B. DeMille del 1923 credevano nel sistema Technicolor di Herbert Kalmus, che si sarebbe invece rivelato fondamentale un decennio dopo con il passaggio alla tricromia.
Anche quando a Hollywood fu introdotto dalla Warner il sonoro, la seconda storica innovazione, con la prima colonna musicale del Don Juan interpretato da John Barrymore nel 1926 e poi l’anno successivo con i dialoghi e le canzoni di Al Jolson in Il cantante di jazz di Alan Crosland si disse che non sarebbe cambiato nulla. Una scena di Cantando sotto la pioggia di Gene Kelly e Stanley Donan (1952) lo ricorda in modo significativo nel dialogo fra i due personaggi del regista Douglas Fowley – «È una trovata che non dura!» – e del musicista Donald O’Connor: «Anche dell’automobile si disse così».
Ne era convinto pure Charles Chaplin: «Il muto sopravviverà perché rappresenta la poesia del gesto». Al contrario il sonoro – oltre a imporre il nuovo standard di 24 fotogrammi al secondo rispetto ai precedenti 16 – spazzò via una generazione di cineasti e di divi del muto. Dal 1941 in poi, dopo l’avvento della colonna sonora stereofonica con Fantasia della Walt Disney, l’evoluzione tecnologica è proseguita a ritmo costante, dal Cinemascope fino alle ultime tecniche computerizzate per l’elaborazione degli effetti speciali e ai nuovi sistemi di produzione e proiezione digitalizzati, in alta definizione e 3D, congeniali alla diffusione satellitare e via internet.

1È ricorrente nei libri dedicati alla storia del cinema il riferimento alla graduale perdita d’interesse del pubblico, dopo i primi entusiasmi, a quanto si proiettava al Grand Café di Boulevard des Capucines di Parigi. Fu abbastanza chiaro in breve tempo che gli spettatori ormai sapevano tutto su come arrivavano i treni in stazione, su come uscivano operai e prodotti dalle fabbriche, sul modo più efficace di innaffiare gli orti, sul traffico cittadino. Anche le “invenzioni” e i trucchi di George Méliès, primo concorrente dei fratelli Lumière, avevano saputo dopo un iniziale successo risollevarne le sorti. Negli Stati Uniti ebbe miglior fortuna George C. Hale, fantasioso comandante dei pompieri di Kansas City, che si inventò i cosiddetti scenic tour, presentati per la prima volta all’Esposizione di St. Louis nel 1904 e consistenti in una serie di carrellate panoramiche girate nelle località più suggestive d’America e d’Europa (cascate del Niagara, Alpi svizzere, la Torre di Londra, il Colosseo di Roma, i castelli della Loira, le piramidi d’Egitto e i cammelli del Sahara erano i filmati – documentari ante litteram – più apprezzati).
2Ne fa fede anche quanto lasciato scritto nelle proprie memorie dal vero regista, Giovanni Pastrone, che mise in scena il soggetto di D’Annunzio: «Sono fiero, oggi, di aver rinunciato alla paternità intera di Cabiria – avevo appena trent’anni – per regalare a D’Annunzio un film che avevo fatto io. A quell’età non era da tutti rinunciare alla gloria».

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di