LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2009

1ª PARTE - L'EVOLUZIONE DI UN MONDO

2ª PARTE - IL CINEMA E LE SUE RISORSE

3ª PARTE - TUTTI I MERCATI DEL FILM

4ª PARTE - GRANDI E PICCOLI PROTAGONISTI

APPENDICE

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2009
Prima Parte - L'EVOLUZIONE DI UN MONDO
TUTTO QUANTO FA CINEMA
Capitolo 2 - L'economia di riferimento
Unico denominatore: il box office
Si potrebbe così dire che in opposizione a convinte e diffuse percezioni il ruolo delle sale tende a dilatarsi in misura più che proporzionale, in un rapporto, rispetto alla crescita delle numerose piattaforme alternative di distribuzione delle opere, che sembra richiamare una delle leggi più note fra quelle elaborate per valutare gli effetti delle tecnologie nelle comunicazioni e la valenza delle moderne reti digitali: la legge che porta il nome di Bob Metcalfe, ideatore di Ethernet, secondo cui utilità e valore di una rete trovano espressione nel numero di tutti gli utenti potenzialmente in contatto fra loro.1
Si può citare in proposito un’immagine dello showbiz dell’esercizio, con la sua proprietà di qualificare l’appeal del prodotto-merce film, molto appropriata ed esplicativa di cui è autore Giandomenico Celata, docente di economia dei media e dell’ICT all’Università “La Sapienza” di Roma: «Il film senza sala cinematografica è come una fabbrica con uffici e macchinari abbandonati, anzi, che non hanno mai iniziato a funzionare».
Appaiono pertanto pienamente plausibili e giustificate, in prima istanza, l’attenzione e l’importanza dedicate ai risultati di ogni nuovo titolo al box office e la ridondanza con cui vengono diffusi per evidenziare scelte e preferenze del pubblico. Ma in realtà gli esiti al botteghino in termini di ingressi e incassi possono essere considerati doppiamente fuorvianti.
Appropriati per disegnare ad esempio la mappa delle strutture di esercizio e per determinarne l’attività in base alle diverse tipologie, non sembrano invece del tutto congrui – e tanto meno convincenti – quando vengono presi a parametro del ruolo e del peso relativo che le sale rivestono nell’ambito della cinematografia. Perché ricavi e presenze sono indici di consumo specifici del prodotto in sala (cioè sul canale primario) e non indicatori assoluti, validi per tutto il mercato. Esprimono viceversa, per definizione, l’unità di misura istituzionalmente deputata a definire il valore dei diritti di sfruttamento per tutta l’altra parte di filiera del settore che, acquistandoli, moltiplica attraverso le diverse piattaforme distributive (i canali secondari) la diffusione dei film e genera volumi di attività da tre a quattro volte superiori.

1La formula matematica applicata alla legge è “n al quadrato meno n”, dove n corrisponde al numero degli utenti. Come esemplificazione si può prendere il caso di tre pc in rete, ognuno dei quali può connettersi con gli altri: due collegamenti per tre personal da un risultato di sei, lo stesso che si ha se da 9, che è il quadrato di 3, si sottrae il numero di utenti (appunto tre). La formula è utile naturalmente per semplificare i calcoli nel valutare il valore di reti che comprendono un numero molto alto – centinaia, migliaia o anche milioni – di nodi. La legge porta il nome di Bob Metcalfe anche se non è attribuibile all’ideatore delle reti Ethernet, in quanto sarebbe stata elaborata da George Gilder, direttore della rivista statunitense di informatica “Wired”, leader mondiale fra le testate del settore. Vari ricercatori ne hanno proposto una modifica, in quanto non considererebbe la diversa rilevanza che possono avere i vari utenti. Nel caso specifico dei computer, ad esempio, appare chiara la differenza fra un pc connesso alla rete e un server in grado di connettersi a milioni di utenti.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di