LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2009

1ª PARTE - L'EVOLUZIONE DI UN MONDO

2ª PARTE - IL CINEMA E LE SUE RISORSE

3ª PARTE - TUTTI I MERCATI DEL FILM

4ª PARTE - GRANDI E PICCOLI PROTAGONISTI

APPENDICE

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2009
Seconda Parte - IL CINEMA E LE SUE RISORSE
CAPITALI E LAVORO
Capitolo 3 - Le società e l'attività d'impresa
Quale selezione è in cantiere
Ai fini di un’analisi sull’evoluzione del settore, con i suoi reali effetti e le mutazioni in cantiere, risultano in sintesi leggibili con maggiore evidenza sia la condizione di criticità cui è andata esponendosi la maggioranza degli operatori sia il conseguente processo di selezione che pare prendere corpo. Quali soggetti sono più coinvolti?
Mentre la distribuzione per forma giuridica può fornire i primi indizi sulla struttura complessiva di un settore produttivo, la scala dimensionale per classi di fatturato resta l’indicatore più diffuso per riscontrare e valutare composizione, consistenza e salute dei diversi livelli ai quali operano tutti i soggetti.




Classi di fatturato - Si è già osservato in via preliminare che sotto tale profilo la situazione delle imprese di cinematografia si dimostra aderente al contesto nazionale, dove predomina (per oltre il 90% delle unità produttive) la piccola o piccolissima dimensione. Al di là di questa analogia, il dettaglio della pianta organica del cinema nazionale, costruita sulla tradizionale griglia a dieci classi di fatturato, consente di localizzare a grandi linee i fronti più “caldi” negli equilibri di mercato e nei rapporti di forza che intercorrono fra gli operatori di diversa tipologia (Tab 12).
Da questo quadro si possono delineare innanzitutto i contorni della base dei comparti cinematografici, fissandone i confini sotto la soglia di 1 milione di euro di fatturato, che segna in sostanza la divaricazione essenziale fra potenzialità e condizioni sufficienti, oppure no, ad agire sul mercato conquistando visibilità, quote, posizionamento e in definitiva “potere contrattuale”.
Delle 5.088 società di capitali che nel complesso operano nel settore, 4.207 (pari all’82,7%) con fatturato inferiore a 1 milione coprono appena il 10,4% del totale realizzato.




Fra queste, delle 3.624 imprese di sola produzione, 3.051 (ben l’84,2%) concorrono soltanto al 14,4% dei ricavi cumulativi; delle 474 aziende che si occupano di distribuzione, 361 (corrispondenti al 76,2% dell’intera categoria) raccolgono unicamente il 2,5% dei proventi complessivi; dei 679 operatori impegnati nell’esercizio - sempre con ditte costituite nella forma giuridica di società di capitali - 534 (pari al 78,7% dell’insieme) contribuiscono solamente per il 15,8% al valore globale del comparto.
Si tratta di valori che proporzionalmente non si discostano molto rispetto a quelli accertati un anno prima.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di