LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2009

1ª PARTE - L'EVOLUZIONE DI UN MONDO

2ª PARTE - IL CINEMA E LE SUE RISORSE

3ª PARTE - TUTTI I MERCATI DEL FILM

4ª PARTE - GRANDI E PICCOLI PROTAGONISTI

APPENDICE

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2009
Seconda Parte - IL CINEMA E LE SUE RISORSE
CAPITALI E LAVORO
Capitolo 3 - Le società e l'attività d'impresa
Cambia anche la mappa geografica
Più che un semplice elemento descrittivo e statistico, la mappa geografica degli operatori è uno dei fattori che contribuiscono a formare il contesto produttivo di un qualsiasi settore. Le relative concentrazioni o rarefazioni in una determinata area influenzano direttamente i processi di crescita dei soggetti attivi sul territorio, la distribuzione e l’impiego delle risorse finanziarie, il livello di infrastrutture e servizi, con la possibilità di creare reti sinergiche, e in definitiva, la competitività sul mercato delle imprese.




La distribuzione territoriale - Come insegna la storia del cinema da Hollywood a Cinecittà fino a Bollywood, la maggiore o minore modificazione di questa mappa è una cartina di tornasole dei riflessi più o meno significativi che una diversa conformazione e collocazione degli assetti produttivi può generare sullo sviluppo dell’intero settore e dei suoi comparti. Anche da questo punto di vista il quadro si presenta in movimento (Tab 14).
Fino a dodici mesi fa, la distribuzione territoriale delle società di cinema raccontava in estrema sintesi del ruolo storico e strategico di Roma, del peso assunto da Milano grazie soprattutto alle attività collegate al prodotto filmico vero e proprio (film TV, spot, clip, video a tema) e della crescita di tre poli regionali di relativa aggregazione intorno a Torino, Bologna e Napoli. La situazione si è ulteriormente consolidata: a questi cinque gangli faceva capo il 66,8% delle attività di settore, il 70,1% della produzione e l’82,0% dei centri di distribuzione; ora rispettivamente il 68,4%, il 72,0% e l’83,3%.
In realtà l’unica forza confermatasi davvero proattiva è quella dei cineasti della capitale. I punti percentuali guadagnati in un solo anno dalla regione laziale sono 4,5 per il numero di operatori complessivi del settore; 4,1 per quelli della produzione e 4,6 della distribuzione. A subire la forza d’attrazione dell’epicentro romano sono stati, in primo luogo, proprio gli altri poli più importanti: i dati attribuiscono a Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Campania corrispondenti flessioni pari all’1,8%, al 2,1% e al 4,3%. Con sole quattro regioni (oltre al Lazio, Toscana, Umbria e Marche) il cinema dell’Italia centrale ha così riacquistato sotto l’aspetto dei numeri la leadership su quello dell’Italia del nord. Nella sostanza il rafforzamento del centro di gravità romano appare interdipendente con le altre manovre di assestamento: nella sua opera di selezione, la riduzione delle attività e dei soggetti si spalma in maniera diffusa, ma con effetti inversamente proporzionali sulle strutture più consolidate7.

7Anche il Lazio registra un saldo demografico negativo, con il 22,8% di cancellazioni rispetto al totale di società registrate, contro il 4,3% di nuove iscrizioni al Registro delle imprese. Le poche regioni con saldi positivi sono: Valle d’Aosta (+125,0%), Basilicata (+19,6%), Trentino Alto Adige (+14,9%), Friuli Venezia Giulia (+9,1%), più Umbria, Molise e Sardegna (a saldo zero), che tutte insieme sommano però soltanto il 7,3% della popolazione nazionale del settore. Le punte più alte di abbandoni dell’attività rispetto all’avvio di nuove aziende si sono invece registrate in Liguria (-44,4%), Puglia (-29,3%), Calabria (-24,3%), Veneto (-17,6%), Abruzzo (-16,7%), Marche (-15,0%) e Toscana (-14,4%), ossia nelle regioni che in termini di diffusione delle presenze possono essere collocate nella fascia intermedia. I rimanenti sei territori regionali - che dopo il Lazio sono gli altri più “ricchi” in assoluto di operatori in attività - hanno accusato deficit demografici più contenuti: Piemonte -9,4%, Sicilia -8,2%, Emilia Romagna -6,7%, Lombardia - 6,0% e Campania -4,8%.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di