LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2014

Prima parte - La politica istituzionale

Seconda parte - Il mercato dell'offerta

Terza parte - Le risorse del settore

Quarta parte - L'intervento pubblico

Quinta parte - Il mercato della domanda

Sesta parte - Il sistema produttivo

Settima parte - Il mercato del lavoro

Panorama internazionale

Focus

Approfondimenti

Istituzioni

Associazioni

Produzione

Testimonianze

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» News

14/06/2017

Dove va il Cinema italiano?

Entro l'estate si concluderà l’iter dei decreti attuativi della legge cinema e audiovisivo

La redazione


Entro l’estate si concluderà l’iter dei decreti attuativi della legge cinema e audiovisivo. Lo ha annunciato il Ministro Franceschini al convegno “Dove va il Cinema italiano?” organizzato dall’ANICA.Rutelli: “Attuare la Legge in modo semplice e rapido”“Dove va il cinema italiano?” è la domanda che il mondo del cinema si è posto al Convegno organizzato dall’ANICA a Roma. È intervenuto il ministro Dario Franceschini, che ha annunciato che entro la fine dario_franceschini_cultura_281di giugno 14 decreti attuativi saranno approvati e che entro l’estate l’intero impianto della Legge sarà operativo. Il Ministro ha affermato che il cinema è un settore in crescita e in grande mutamento. “Soprattutto tra i ragazzi le immagini si stanno sostituendo alle parole”.  Con la Legge approvata nel novembre scorso si è costruito un quadro normativo, all’interno del quale si devono gestire gli impatti di un grande cambiamento globale che trasforma domanda e offerta, e atteso dal pubblico anche in Italia. In questo ambito non si possono nascondere le criticità, che riguardano, secondo il Ministro, la stagionalità del nostro mercato, che si impoverisce fortemente in estate, e il prodotto italiano, rispetto al quale occorre trovare delle risposte.“La Legge Franceschini è molto importante. Noi chiediamo che essa venga attuata nel modo più semplice e rapido possibile”, ha detto il presidente dell’Anica, Francesco Rutelli “e senza trasformazioni rispetto al suo impianto” ha sottolineato Rutelli. “Mi sembra che il ministro sia ben sintonizzato su questo”.Il dibattito tra autori e produttori e poi gli interventi dei rappresentanti delle associazioni hanno esaminato a fondo il contesto in cui occorre operare per accrescere la forza industriale e far crescere il prodotto italiano.

Torna all'elenco delle News

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di