LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2014

Prima parte - La politica istituzionale

Seconda parte - Il mercato dell'offerta

Terza parte - Le risorse del settore

Quarta parte - L'intervento pubblico

Quinta parte - Il mercato della domanda

Sesta parte - Il sistema produttivo

Settima parte - Il mercato del lavoro

Panorama internazionale

Focus

Approfondimenti

Istituzioni

Associazioni

Produzione

Testimonianze

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2014
Panorama internazionale
Festival Internacional del Nuevo Cine Latinoamericano - Il cinema italiano e il Festival del Cinema de l'Avana
La Scuola di San Antonio de los Baños

Durante la prima edizione del Festival de L'Avana, nel 1979, il regista argentino Fernando Birri, in risposta alla professoressa e saggista americana Julianne Burton e riferendosi agli inizi degli anni Cinquanta, spiega: « Decisi, all'epoca, di andare in Europa per imparare a fare un cinema di stampo neorealista. Sono andato a Parigi e ho visitato l'IDHEC. Mi sono recato a Roma e ho visitato il Centro Sperimentale. Ho preferito quest'ultimo fondamentalmente perché forniva una formazione teorico-pratica, mentre in quel momento quella dell'IDHEC era prevalentemente teorica. Ma soprattutto perché il Centro Sperimentale mi consentiva di stare nel cuore di quel movimento cinematografico che è il neorealismo che nel giro di pochi anni avrebbe influenzato l'intera cinematografia mondiale (a cominciare da quella americana fino ad arrivare a quella indù, passando per la nostra)»17. Diversi anni dopo, a Roma, Birri viene svegliato da una telefonata di Julio García Espinosa, che gli propone la direzione della Scuola Internazionale di Cinema e Televisione di San Antonio de Los Baños (EICTV), carica che ricoprirà per un lungo periodo. Alla cerimonia di apertura, Birri legge l'Atto di Nascita firmato dal Comitato di Cineasti dell'America Latina: «Questa scuola è costruita con blocchi prefabbricati di cemento, ma non con idee prefabbricate. Questa scuola è una scuola di formazione artistica, nell'arte, e nella libertà innanzitutto».
García Márquez, García Espinosa e Tomás Gutiérrez Alea, altro regista molto vicino alla EICTV ai suoi albori, sono stati, insieme a Birri, studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma negli anni Cinquanta, seppur non incontrandosi. Anche questa coincidenza ha influenzato la EICTV fin dalla sua nascita. Nei suoi quasi 30 anni di attività, la Scuola di Cinema di San Antonio de los Baños ha visto diplomarsi 870 "cine-teleasti". Di questi, 720 vengono da America Latina e Caraibi.

17 Cfr.Hacia una historia oral del documental. Primera parte: Fernando Birri, Poeta y peregrino. Entrevista a Fernando Birri, in «Revista del Nuevo Cine Latinoamericano», Fondo de Fomento Cinematográfico, I, 1, diciembre, Caracas 1985, p. 50.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di