LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2014

Prima parte - La politica istituzionale

Seconda parte - Il mercato dell'offerta

Terza parte - Le risorse del settore

Quarta parte - L'intervento pubblico

Quinta parte - Il mercato della domanda

Sesta parte - Il sistema produttivo

Settima parte - Il mercato del lavoro

Panorama internazionale

Focus

Approfondimenti

Istituzioni

Associazioni

Produzione

Testimonianze

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2014
Panorama internazionale
Festival Internacional del Nuevo Cine Latinoamericano - Il cinema italiano e il Festival del Cinema de l'Avana
Il Festival. La sua programmazione

Il programma cinematografico del Festival, che ogni anno supera i trecento titoli (lungome traggi e cortometraggi) tra fiction, documentari e opere di animazione, viene predisposto da una squadra di cinque selezionatori che seguono con attenzione l'impatto delle proiezioni nei Paesi d'origine, la circolazione e il successo dei film nei festival internazionali e esaminano gli oltre mille titoli candidati, edizione dopo edizione.
Ogni anno, l'obiettivo è raggiungere un equilibrio nel programma generale. Ad esempio, in un anno un Paese può produrre numerosi film, ma il Festival ha la responsabilità di dare spazio alla produzione di ogni nazione. Vengono dunque stabiliti dei criteri su base proporzionale per includere i prodotti migliori e più rappresentativi di ciascun Paese. Vengono sempre tenute in considerazione le cinematografie emergenti e le piccole industrie. Il programma non deve privilegiare una o due cinematografie del territorio, per quanto potenti possano essere in un determinato periodo.
Il Festival del Cinema de L'Avana, a livello di programmazione, può essere diviso in due set tori principali: America Latina e resto del mondo.
Il blocco dell'America Latina viene sottoposto a un filtro, infatti ogni anno vengono selezionati per il concorso 21 lungometraggi e 21 opere prime. Lo stesso limite è applicato a documentari e film d'animazione. Dopo aver valutato tutti i film latinoamericani, vengono selezionati quelli de stinati al concorso. Altri film latinoamericani interessanti vengono inseriti nella sezione Lati noamérica en Perspectiva (America Latina in Prospettiva), divisi secondo la tematica, Diversità, Memoria, Esodi, Avanguardia, SOS Ambiente ed altre ancora, di modo che pubblico, giurati e se lezionatori di altri festival possano orientarsi e scegliere in base alle proprie preferenze.
Nel programma generale si raggiungono equilibri non percepibili a prima vista: si proiettano film non latinoamericani di alta qualità e si programmano rassegne annuali di cinema con temporaneo di Paesi come Germania, Spagna, Francia e Italia, nonché di cinema cinese, giap ponese, sudcoreano, americano indipendente, russo, polacco e ceco. Il Festival si propone di mostrare il più ampio e diversificato ventaglio di realtà cinematografiche, perseguendo il suo intento di collegare il cinema latinoamericano a quello realizzato altrove e favorire il dialogo tra culture e cinematografie diverse.
Ogni anno vengono organizzati anche omaggi e retrospettive dedicati a personalità significa tive o a movimenti e tendenze cinematografiche.
Eventi, seminari, tavole rotonde e lezioni magistrali sull'arte e l'industria dell'audiovisivo, te nuti da figure di spicco internazionale, arricchiscono la missione del Festival, che al suo interno include spettacoli teatrali, mostre di arti plastiche, presentazioni di libri e riviste di cinema e concerti a ingresso libero.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di