LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2014

Prima parte - La politica istituzionale

Seconda parte - Il mercato dell'offerta

Terza parte - Le risorse del settore

Quarta parte - L'intervento pubblico

Quinta parte - Il mercato della domanda

Sesta parte - Il sistema produttivo

Settima parte - Il mercato del lavoro

Panorama internazionale

Focus

Approfondimenti

Istituzioni

Associazioni

Produzione

Testimonianze

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2014
Seconda parte - Il mercato dell'offerta
Prodotti strutture e reti
Capitolo 3 - Dalla produzione al consumo
Come si arricchisce il catalogo

Oltre a quella del calendario delle prime visioni, il cinema italiano è alle prese anche con l'estensione della cosiddetta product line, ossia l'arricchimento del portafoglio prodotti. Un primo fronte è costituito dall'offerta in 3D, protagonista al suo apparire di alcune promettenti performance in termini di incassi (con biglietti a costi maggiorati) e in parte pure di presenze.

Se il 3D resta in stand by. Nel corso dell'ultimo triennio il cinema a tre dimensioni sembra invece essersi involuto. Il valore aggiunto apportato dalle opere in 3D è rimasto confinato al superiore prezzo di vendita degli ingressi, ma non viene più espresso dall'apporto di diversificazione del listino, in quanto ha preso corpo essenzialmente un processo di sostituzione nel segmento dei film d'azione e di animazione (per il 60% oltretutto all'interno dello stesso, già ricco, bacino di produzione statunitense). L'andamento relativo all'ultimo quadriennio in Italia riproduce, come nel resto d'Europa, questo percorso di sostanziale stabilizzazione (tavola 17), in valori sia assoluti per numero di titoli, sia percentuali per la loro incidenza sul totale dei prodotti distribuiti.

cap03-17

Molto meglio con i contenuti alternativi. Tuttora in corso di sviluppo si mostra invece l'offerta di contenuti alternativi o complementari, rappresentata prevalentemente da tre tipi di eventi: la proiezione in diretta di spettacoli dal vivo, a cominciare dai concerti di musica leggera e pop che si svolgono nel mondo e costituiscono la punta avanzata (essendo i più seguiti) di tutta la programmazione, per comprendere poi quelli di musica classica e sinfonica, le opere liriche in prima rappresentazione, balletti, musical e anche spettacoli teatrali di particolare rilievo; la riedizione restaurata di classici del cinema e dell'animazione del passato o la ripresentazione in digitale di blockbuster più recenti; infine altre grandi manifestazioni sportive o artistiche.
Il carnet di proposte (programmate in genere fra lunedì e mercoledì, a parte alcuni appuntamenti internazionali già prefissati in coincidenza dei weekend) continua gradualmente ad arricchirsi e dai 28 contenuti dal 2011 già nel 2012 il numero era salito a 61 facendosi ancora più consistente nei due anni più recenti: 69 nel 2013 e 75 nel 2014.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di